Giornata della donazione di sangue – Domenica 22 maggio

Esplora contenuti correlati

Bloccata la costruzione di un traliccio per telefonia mobile in via Pilone

6 Febbraio 2022

Via Pilone

Bloccato l’ennesimo tentativo d’installare un traliccio permanente per telefonia mobile in via Pilone. Ne da notizia il sindaco Fallone.
L’annosa vicenda riguarda una compagnia telefonica che ha tentato, in più riprese, di realizzare una piattaforma sulla quale ubicare, in modo permanente, un’antenna per telefonia mobile in via Pilone. Un’iniziativa stoppata, ancora una volta, dal sindaco Paolo Fallone con un’ordinanza emessa a tutela della salute dei residenti della zona, sulla quale è già presente un’antenna mobile di piccole dimensioni. Un’opera che prevedeva la realizzazione di una stazione fissa con un traliccio di oltre trenta metri.

Le dichiarazioni del sindaco Paolo Fallone

“Ancora una volta, e grazie al supporto del nostro legale l’avvocato Ruggero Mollo,  siamo riusciti a scongiurare la costruzione di una stazione di telefonia mobile fissa, in via Pilone. Il progetto, da noi mai autorizzato, prevedeva l’elevazione di un traliccio per un’altezza di oltre trenta metri sul quale avrebbero posizionato trasmettitori di segnale per telefonia mobile. Tali irradiazioni avrebbero inciso, negativamente, sui residenti della zona con possibili conseguenze sulla salute. Una situazione sulla quale abbiamo voluto agire con tempestività e determinazione avendo, peraltro, riscontrato delle anomalie sulla progettazione e realizzazione di manufatti non conformi al piano antenne vigente. Una vicenda sulla quale è in corso una disputa giudiziaria-amministrativa nella quale già abbiamo rappresentato le nostre obiezioni di natura tecnica e per il possibile impatto sulla salute dei nostri concittadini, rappresentati dall’avvocato Ruggero Mollo che è riuscito a far valere le nostre ragioni bloccando già due tentativi e opponendoci, ancora una volta, al terzo. Per questo lo ringraziamo, unitamente all’Ufficio tecnico, per il lavoro svolto fino ad oggi. Proseguiremo su questa strada convinti che la salute pubblica non ha prezzo e va sempre e comunque tutelata”.

Condividi: