Convocazione Consiglio Comunale – Seduta Ordinaria

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE  RENDE NOTO A TUTTA LA CITTADINANZA CHE IL COSIGLIO COMUNALE è convocato,  in seduta ordinaria, per il giorno 30.11.2022 alle ore 17:00, nella sala Consiliare […]

Esplora contenuti correlati

Cerimonia Festa dell’Unità Nazionale in onore dei Caduti per la Patria

6 Novembre 2022

Cerimonia del 06 Novembre 2022

Messaggio del Sindaco

 

Cari concittadini, autorità civili, militari e religiose, oggi celebriamo,  con orgoglio, la giornata delle forze Armate e dell’Unità Nazionale.
Un momento importante per commemorare  le vittime civili e militari di tutti i conflitti mondiali che, ancora oggi, mietono vittime.

Il sangue versato nelle storiche battaglie continua a scorrere seminando morte e discordia con drammatiche conseguenze sotto ogni aspetto, da quello sociale a quello economico. Emergono sempre di più,  con una crescita esponenziale, le diverse forme di povertà a svantaggio dei più deboli con drammatiche conseguenze. Il divario sociale, l’appiattimento dell’economia rappresentano nella quotidianità i nuovi ordigni bellici pronti ad esplodere.  Tutto si appiattisce logorando anche i rapporti umani generando, spesso, ulteriore  violenza. Sono tante le vittime, anche quelli della porta accanto che nel silenzio subiscono, spesso, la nostra indifferenza.

Ci meravigliamo e scandalizziamo di quanta violenza c’è nel mondo, senza però riflettere su tutte quelle volte nelle quali esprimendo un giudizio puntando il dito contro gli altri, uccidendo la loro dignità generando dolore e morte, perché incapaci di ascoltare i bisogno di chi soffre ma, come spesso accade, infliggendo loro il colpo di grazia.
Questo a conferma che non sono solo le armi ad uccidere ma anche l’egoismo e l’indifferenza generano una morte, forse più lenta,  mietendo molte più vittime.

Ricordare il sacrificio di tante donne e uomini nelle diverse guerre come i nostri tanti concittadini, i cui nomi sono impressi su questo nostro monumento, ci indica una nuova strada da seguire: la Pace. Un valore, un sentimento che deve crescere dentro di noi attraverso la condivisione e la tolleranza convinti che solo insieme possiamo costruire un futuro migliore.Non servono tante parole per raggiungere questi obiettivi ma piccoli gesti partendo dall’ascolto di chi soffre interpretando, i tanti silenzi, in una vera richiesta d’aiuto. È nostro compito, infatti, mettere in campo una politica capace di generare entusiasmo e, nel contempo, capace di dare risposte concrete.

La famiglia e la scuola sono luoghi privilegiati  nei quali vengo trasmessi i valori essenziali fondati sull’Amore e la Pace. Luoghi nei quali le nuove generazioni hanno la possibilità di essere educate per crescere nella solidarietà e nella condivisione, elementi principi indispensabili per costruire una società migliore. Tutti, ma proprio tutti, dobbiamo rimboccarci le maniche per iniziare un nuovo e più responsabile cammino per superare le difficoltà di un momento storico particolarmente difficile. Non possiamo più essere indifferenti, insensibili al grido di dolore, al sangue versato da tanti innocenti. La democrazia e la Pace non possono più avere un prezzo così alto. Le lacrime di quanti ancora oggi piangono i loro morti non possono più bagnare la terra senza produrre frutti.
Spazziamo via dai nostri cuori ogni risentimento, perché l’odio produce solo morte. Promuoviamo il rispetto di ogni vita umana perché sacra e inviolabile. Trasformiamo ogni goccia di sangue versato in un seme d’amore, coltiviamo ogni giorno affinché generi una nuova vita.

Prendiamoci  tutti per la mano trasmettendo, l’uno con l’altro tanta forza, una nuova energia per rimuovere le tante macerie così da ricostruire il mondo pietra su pietra. Solo così potremo riappropriarci di tutti quei valori che ci rendono uomini liberi. Il mio augurio e quello dell’Amministrazione va a ciascuno di voi e alle vostre famiglie. Portiamo sempre nel nostro cuore il sacrificio dei nostri concittadini e di quanti muoiono ingiustamente vittime di ogni genere di violenza.
La Pace non sia, da oggi è per sempre, un gesto o una parola vuota ma uno stile di vita.

Voglio regalarvi, a chiusura di questo mio messaggio, questa  frase di Papa Giovanni Paolo II:
“La pace richiede quattro condizioni essenziali: verità, giustizia, amore e libertà.”

Un saluto e un abbraccio a voi e alle vostre famiglie, buona domenica a tutti.

Paolo Fallone
Sindaco

Condividi: