Una nuova condotta idrica servirà via Selva Piana

Sono iniziati i lavori di rifacimento della condotta idrica della lunga via Selva Piana Il sindaco Paolo Fallone e il consigliere delegato Angelo Petrucci ne danno notizia  esprimendo la loro […]

Esplora contenuti correlati

Acero Campestris L.

L’Acero campestris, originario dell’Europa è spontaneo in tutta Italia e lo troviamo presente nei boschi, nelle macchie, in pianura, nelle colline sino ad una altezza di 1000 metri.
Nelle campagne era utilizzato come tutore vivo per la vigna; il suo legno è usato per lavori di tornitura e intaglio.
Il portamento è arboreo o arbustivo con chioma per lo più rotondeggiante. Negli esemplari arbustivi-cespugliosi l’altezza non supera i sei metri, mentre per quelli a
portamento arboreo può raggiungere i 15 metri e oltre.

L’Acero campestre, perde le foglie in autunno; la foglia, palmata-lobata, è di colore verde scuro nella pagina superiore, mentre in quella inferiore è un verde più chiaro; in autunno
diventano giallo dorate e poi rossastre. La lunghezza della foglia è di 6-10 cm ed è larga circa 5-10.
I fiori ermafroditi sbocciano da fine aprile a maggio si sviluppano in frutti alati (samare) penduli; nei rami, bruno verdastri, sono presenti lenticelle chiare e molto evidenti.
Pianta a crescita lenta, si rivela utile impiegata come siepe, per ripopolare declivi spogli, zone di campagna dove viene in aiuto nella lotta biologica essendo un ottimo rifugio per
uccelli insettivori e insetti entomofagi. È una pianta rustica e si adatta a qualsiasi terreno purché sciolto, profondo, fresco e che non abbia ristagni d’acqua. L’esposizione può essere al sole o mezz’ombra.

 

Condividi: